15/08/2017
Con Determinazione dirigenziale del 10 agosto, sono state approvate le disposizioni in materia di riduzioni ed esclusioni per inadempienze relativamente alla Misura 10 del Psr Piemonte – Operazioni: 10.1.4 (Sistemi colturali eco-compatibili) e 10.1.7 (Gestione di elementi naturaliformi dell’agro-ecosistema).

Con lo stesso provvedimento, la Regione Piemonte ha fornito un chiarimento riguardante l’impegno facoltativo: erbai autunno-vernini da sovescio. Il termine del 15 ottobre, entro il quale gli erbai possono essere seminati, affinché possano determinare i benefici ambientali attesi, non è da considerarsi perentorio, seppure una semina tardiva costituisca un elemento di rischio.

A fronte di un approfondimento effettuato, è emerso come, in ogni caso, è necessario che la semente utilizzata sia obbligatoriamente acquistata entro il termine del 15 ottobre.

(Fonte: Coldiretti Cuneo)
Altre notizie di Bandi&Contributi
Contratti di filiera
c'è la circolare applicativa

E' stata pubblicata giovedì 10 agosto sul sito internet del Ministero delle Politiche agricole la circolare applicativa per l'attivazione dei contratti di filiera e di distretto. Si tratta di uno strumento che ha una dotazione finanziaria di 60 milioni di euro in contributo conto capitale e 200 milioni di euro di contributo a tasso agevolato attraverso il Fondo rotativo di sostegno alle imprese. L'obiettivo dei contratti di filiera e di distretto è sostenere investimenti di rilevanza nazionale nel settore agricolo, agroalimentare e delle agroenergie promuovendo l'integrazione delle politiche di investimento dei diversi attori della filiera. Nell'avviso sono presenti i requisiti e le modalità di presentazione delle domande e dei progetti di filiera, che andranno inviate al Ministero a partire dal 27 novembre 2017. Nella nuova circolare vengono rafforzati gli strumenti di controllo del Ministero sulle attività delle imprese e delle banche finanziatrici e aumentata la trasparenza nei rapporti tra istituti di credito e aziende della filiera con un forte contenimento rispetto al passato dei tempi e dei costi di gestione dei programmi di investimento. Ai progetti che coinvolgono le Regioni del Sud Italia sono riservate l'80% delle risorse e una premialità nella valutazione qualitativa effettuata da un'apposita Commissione. "Vogliamo proseguire il lavoro di integrazione nelle nostre filiere agroalimentari - ha dichiarato il ministro Maurizio Martina - supportando progetti che possano dare più valore a tutti i segmenti produttivi coinvolti. Mettere insieme l'esperienza delle industrie di trasformazione con il tessuto di piccole e medie imprese agricole è un obiettivo strategico sul quale continueremo a spingere col massimo impegno. Con questo investimento possiamo attivare risorse pubbliche e private per circa 500 milioni di euro, che daranno un contributo utile alla crescita di tutto il sistema in particolare nelle regioni del Mezzogiorno. Il successo del Made in Italy agroalimentare sarà ancora più forte quanto più sapremo essere capaci di rafforzare le filiere nazionali nel loro rapporto stretto col territorio".
Agriturismi, il 21 settembre
scade bando per il marchio

Per il mese di agosto e fino al 21 settembre 2017, gli Agriturismi possono partecipare al Bando per il Marchio Ospitalità Italiana per tutte le strutture ricettive. Per il 2018, in provincia di Cuneo ci sono 10 posti disponibili. La partecipazione è aperta a tutte le strutture che svolgono l’attività da almeno un anno, rispondono ai requisiti previsti dal bando e rispettano i disciplinari previsti per la propria categoria. La quota per partecipare al progetto e ricevere la visita di controllo dell’organismo certificatore è pari a 100 € + Iva per le strutture iscritte al Registro Imprese. Gli interessati possono presentare domanda di ammissione al marchio di qualità inviando l’apposita scheda di adesione compilata, scaricabile dal sito della Camera di Commercio di Cuneo. Per l’ammissione delle domande viene preso in considerazione l’ordine cronologico di arrivo delle schede di adesione. Per maggiori informazioni, visitare il sito web della Camera di Commercio o contattare la segreteria provinciale Terranostra (0171 447 336-245). (Fonte: Coldiretti Cuneo)
Ultimo video